Ora in onda

CONTENUTO VERBALE

La scienza dell'alimentazione in primo piano nelle scuole della CNI con l'I-SMS

14. 02. 2017 21:59


La ricerca ed il metodo scientifico sbarcano nelle scuole della CNI con il progetto intitolato I-SMS (Italian Science Moving in School) realizzato dall’Unione Italiana in collaborazione con l’Immaginario Scientifico e l’ateneo di Trieste.  

 

Ha preso il via a Capodistria, per poi passare a Isola e Pirano (prima di oltrepassare il confine) il progetto che porta le innovazioni e la divulgazione scientifica tra i banchi di scuola. Articolato in attività rivolte agli insegnati ed agli alunni, l’I-SMS ha coinvolto anche la Scuola media superiore “Pietro Coppo” di Isola. Una ventina di ragazzi delle prime e seconde classi si sono così cimentati nelle attività di laboratorio che li hanno portati a riconoscere le sostanze fondamentali che costituiscono un’alimentazione equilibrata.

  “Abbiamo partecipato ad un laboratorio che ci ha portati ad identificare le sostanze nutritive: proteine, lipidi, carboidrati – ha spiegato uno degli alunni partecipanti, Alfredo Cavallaro, classe prima indirizzo informatico -. Abbiamo testato delle reazioni chimiche tra queste sostanze e dei reagenti o solventi”.

Il tema dell’alimentazione sana ha suscitato l’interesse dei ragazzi, come ha dichiarato Adis Čehić, della prima professionale ad indirizzo auto meccanico: “Pratico lo sport e per questa ragione ho iniziato ad interessarmi all’alimentazione sani, alla proprietà dei i cibi, agli esercizi … mi sono anche fatto dei menù su misura. Lo trovo un argomento interessante perché scopro sempre cose nuove”.

Anche la docente, Cristina Fernetti dell’Immaginario Scientifico di Trieste conferma l’interesse dei ragazzi i quali, nonostante la giovane età, si sono dimostrati molto preparati sull’argomento: “Tutti sanno che cos’è la piramide alimentare e la conoscono abbastanza bene anche dal punto di vista della composizione, ne sanno elencare le caratteristiche e disporre gli alimenti in maniera corretta il che, devo dire, mi ha piacevolmente colpito”.

Chi è dell’opinione che i giovani di oggi abbiano informazioni poco precise sull’alimentazione dovrà ricredersi. “Devo dire che in tutte e tre le classi [che abbiamo visitato] – racconta la Fernetti – i ragazzi avevano dei concetti molto chiari e corretti”.

Iniziato lunedì, il ciclo d’incontri coinvolgerà le scuole elementari e medie superiori italiane di Slovenia e Croazia fino alla metà di marzo. 

Corinne Brenko