Ora in onda

CARMEN CONSOLI - IN BIANCO E NERO

Sobotka annuncia maggiori controlli ai confini austriaci

09. 08. 2017 14:37


L'Austria annuncia una maxi operazione in prossimità dei confini per fermare i migranti che entrano nel paese clandestinamente. Lo ha annunciato il Ministro degli interni Sobotka che ha parlato di un aumento negli ultimi giorni del numero di clandestini nel paese.

 

di Barbara Costamagna

 

Il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka ha ordinato una maxi operazione di controllo contro l'immigrazione clandestina da attuarsi "in prossimità dei confini". I controlli dovrebbero essere svolti da uomini delle forze armate e dell'esecutivo nei pressi dei confini della Slovacchia, dell'Ungheria, della Slovenia e dell'Italia. Un decisione presa, secondo Sobotka, a partire dalle informazioni ricevute dalla direzione generale per la sicurezza pubblica, secondo le quali, nei giorni scorsi, sono aumentati gli arrivi di grandi gruppi di migranti illegali. Secondo quanto si dice nella nota ministeriale verrebbero utilizzate vie alternative a quelle finora in uso e perciò il Governo ha valutato necessario un incremento dei controlli sulle vie meno battute.

Continua, quindi, la campagna allarmistica del governo austriaco che a detta di molti fuori e dentro i confini nazionali non sarebbe  giustificata da dati reali. Poche settimane fa a smentire il Governo fu proprio il capo della polizia del Tirolo che disse che da settimane non si registravano praticamente passaggi di migranti, mettendo in discussione l'annuncio di chiusura del Brennero, poi rientrato anche in seguito alle proteste di Roma. Per molti quella del popolare Sobotka è semplicemente un'operazione di propaganda politica in vista delle elezioni di ottobre, nelle quali la partita si giocherà probabilmente proprio sul tema dei rifugiati e dell'immigrazioni e i popolari guidati dall'ambizioso ministro degli esteri Sebastian Kurz sperano di portare via voti all'estrema destra, con scelte vicine al sentire dell'elettorato del Partito della Libertà.