In un incontro con i giornalisti sloveni a Bruxelles, Lenarčič ha espresso interesse per i settori dell'ambiente e della ricerca, in passato già guidati da un commissario sloveno, ma anche per i settori che riguardano la politica regionale, la digitalizzazione, la cooperazione allo sviluppo internazionale e l'allargamento. Lenarčič ha inoltre dichiarato di essere rimasto sorpreso della decisione del premier, Marjan Šarec, di proporre il suo nome per l'incarico di commissario Ue, personalmente non ha pianificato di ricoprire questo ruolo. "Quando mi ha invitato a presentare la candidatura, non ho potuto dirgli di no, soprattutto dopo aver preso in considerazione le ragioni che lo hanno indotto a chiedermi di candidarmi", ha spiegato. Lenarčič è convinto di soddisfare tutti i criteri per ricoprire il ruolo di commissario e spera che la futura nuova presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, giudicherà i candidati per la loro professionalità e le loro competenze. Inoltre, Janez Lenarčič reputa lodevole la decisione della futura presidente di voler formare una Commissione in cui metà dei componenti siano di sesso femminile. Secondo informazioni ufficiose, Bruxelles avrebbe affermato che i Paesi Ue, che proporranno donne per il ruolo di commissario, potranno aspirare a guidare commissioni di maggiore rilevanza.

Erika Paternuš

Foto: European Community