Ora in onda

CONTENUTO VERBALE

Venti di guerra alla Casa Bianca?

02. 08. 2017 09:54


Il presidente Trump sarebbe pronto a dichiarare guerra alla Corea. Questo secondo l’influente senatore repubblicano Lindsey Graham che in un’intervista alla NBC ha parlato di uno scenario bellico nel pacifico. Il segretario di stato Rex Tillerson ha immediatamente smentito il senatore, dicendo che da parte di Washington non esiste alcuna volontà di far crollare il Regime di Pyongyang.

 

di Barbara Costamagna

 

"Il presidente Usa Donald Trump è pronto a distruggere la Corea del Nord". Questa la dichiarazione che Lindsey Graham, uno dei senatori repubblicani più influenti, ha rilasciato alla Nbc, riferendosi ad un colloquio avuto con il Presidente. Il falco Graham ha parlato della presunta strategia della Casa Bianca nel Pacifico dicendo che “Trump è pronto a dichiarare guerra alla Corea del Nord (…), piuttosto che consentire al dittatore Kim Jong-un di sviluppare un missile balistico intercontinentale dotato di testata atomica in grado di colpire l’America”. Il senatore, inoltre, ha lanciato un monito a Pechino, unico alleato della Corea del Nord, dicendo che se nel caso ci sarà una guerra, tutti i morti saranno lì mentre negli Stati Uniti non ci saranno perdite. Immediata la smentita del segretario di stato Rex Tillerson che ha affermato che Washington non è “il nemico”, aggiungendo però che Pyongyang sta presentando una minaccia inaccettabile e che se si continua così gli Usa sono tenuti a rispondere. La tensione resta al massimo dopo che Pyonyang, prima il 4 luglio e poi il 28, ha lanciato due missili balistici intercontinali, che hanno dimostrato di poter raggiungere ambo le coste americane. Ciò che ancora manca alla Corea del nord è la capacità di miniaturizzare le atomiche a loro disposizione per farle entrare nell'ogiva di un missile balistico intercontinentale e avere un cosiddetto "veicolo di rientro" nell'atmosfera che consenta all'ordigno di arrivare intatto ed esplodere sull'obiettivo. Un traguardo che secondo i servizi segreti americani la Corea del nord potrebbe raggiungere entro il prossimo anno.