Ora in onda

CONTENUTO VERBALE

CAN Costiera: approvate le proposte di emendamento alla legge sul settore scolastico minoritario in Slovenia

17. 05. 2017 18:20


Luce verde dal Consiglio della CAN costiera sulle modifiche da proporre alla Legge sui diritti particolari delle Comunità nazionali italiana e ungherese nell'ambito dell'educazione. Tra le importanti novità anche l'istituzione di un ufficio italiano tecnico autonomo presso l'istituto per l'istruzione

  Dopo diversi anni di coordinamento tra le parti, sta per arrivare al vaglio del parlamento la nuova legge che regolamenta il funzionamento delle scuole minoritarie in Slovenia, apportando alcuni importanti emendamenti alla norma del 2001. “Va detto che abbiamo lavorato molto tempo a questa proposta di legge e per la prima volta le nostre istituzioni hanno lavorato assieme: le CAN, i presidi, i consulenti pedagogici, il deputato – spiega il  presidente della CAN Costeria, Alberto Scheriani -. Abbiamo aggiunto un articolo che secondo noi è importante: l'articolo 21 che parla di un ufficio autonomo presso l'Istituto per l'istruzione che dovrà seguire le nostre scuole, lavorare per i nostri insegnanti e per la lingua nonché' trovare soluzioni ai vari quesiti che le scuole hanno di giorno in giorno”. Inoltre, sono state introdotte altre norme che coinvolgono maggiormente gli organi delal CI nei processi decisionali. ” Un'latra cosa importante che abbiamo aggiunto in tanti articolo è l'obbligo di richiedere il consenso delle CAN su una serie di questioni – si tratta di un meccanismo di rilievo perché' instaura un rapporto di collaborazione e di partenariato con il Ministero per l'educazione e l'Istituto per l'istruzione – rileva ancora Scheriani”. I tempi di attuazione della nuova legge però si preannunciano lunghi: se otterrà il nulla osta del parlamento, la nuova norma entrerà in vigore il primo settembre del 2018.

 

Corinne Brenko