«Verso l'Europa del buonsenso. I popoli rialzano la testa»: sotto questo auspicio si apre la campagna elettorale per le europee di Matteo Salvini, che oggi ha riunito a Milano i leader dei movimenti cosiddetti "sovranisti", un fronte che riunisce forze politiche di varia provenienza, unite dalla volontà di limitare i poteri dell'Unione europea, e in particolare l'austerity, e di riscoprire le politiche nazionali.
Il leader della Lega aveva annunciato la presenza di una ventina movimenti per sottoscrivere una sorta di manifesto: i tedeschi di Alternative fur Deuschland, il Partito del popolo danese, o i Veri finlandesi, ma sono evidenti anche delle assenze. Non è arrivato a Milano ad esempio Victor Orban, preoccupato di non alimentare la polemiche sulla sua presenza nel Partito popolare europeo, e non c'è Marine Le Pen, leader del Rassemblement national, che però avrebbe delegato Salvini a rappresentare anche lei.
Lo scopo però sarebbe meno rivoluzionario del previsto, vale a dire formare un fronte comune per allearsi con il Ppe e tagliar fuori i socialisti. Un'impresa in ogni caso non facile, visto che il fronte è già diviso in tre gruppi parlamentari: i Conservatori e riformisti europei, con i conservatori inglesi, i polacchi, e Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, l'Europa delle nazioni e della libertà, con il Rassemblement national, la Lega e il Partito della libertà austriaco, e l'Europa delle libertà e della democrazia con il protagonista della Brexit, Nigel Farage.

Si tratta di forze con programmi divergenti, visto che si basano sugli interessi nazionali, e a volte anche ingombranti: fra loro ci sono anche esponenti che negano l'Olocausto, circostanza che però non sembra preoccupare il leader della Lega Salvini che invita a guardare al futuro e alla ricostruzione dell'Europa e punta a proporsi come leader dei sovranisti in Europa. Forze con cui potrebbe anche chiudere la campagna, con una manifestazione, sempre a Milano, il 18 maggio, accanto a Marine Le Pen e gli altri leader sovranisti.

Alessandro Martegani

Foto: Reuters