Ora in onda

CONTENUTO VERBALE

Capodistria: da Piazza Tito sparisce la targa Piazza del Duomo.

02. 12. 2017 12:44


A Capodistria, in piazza Tito, è rimasta appesa appena due giorni la targa con l'odonimo storico "Piazza del Duomo". La tabella è stata rimossa da ignoti ieri sera. L'affissione era stata decisa dopo anni di lavoro della commissione comunale per la toponomastica, avrebbe dovuto essere la prima di una serie di targhe da apporre con i nomi storici di vie e piazze cittadine.

 

di Stefano Lusa

 

Erano circa ne 20.30 quando sono arrivate le prime segnalazioni. La polizia informata sui fatti dice di dover aspettare che le autorità comunali presentino formale denuncia. I servizi ispettivi comunali hanno rimandato la faccenda a lunedì prossimo. Bisogna attendere di vedere i filmati della telecamere per procedere. Il vicesindaco di Capodistria Alberto Scheriani ha condannato l’accaduto, ma per ora non si è sbottonato più di tanto in attesa di maggiori informazioni.

 

 

 

Che la questione del ripristino della toponomastica originaria fosse un osso duro da mandar giù lo si era capito da tempo. Basti pensare che la comunità italiana ha oramai rinunciato a proporre cambiamenti di vie o piazze, ma si limita soltanto a insistere che vengano affisse tabelle con gli antichi odonimi, quelli con cui per secoli gli abitanti di queste cittadine avevano chiamato le loro strade. Un effimero ricordo di un passato che non c’è più.

 

Evidentemente, anche questo è troppo. Bastava dare una rapida occhiata ai social network per capire che quella tabella non piaceva. Che quella targa fosse apparsa proprio il 29 novembre, giornata in cui si festeggiava la Repubblica socialista federativa di Jugoslavia e proprio in piazza Tito a molti deve essere sembrata una terribile provocazione. Del resto a Capodistria si è fatto più volte capire che la piazza dedicata al dittatore jugoslavo non si tocca.

  

L’Associazione antifascisti combattenti per i valori della lotta di liberazione nazionale ha, così, immediatamente mandato una piccata lettera al sindaco chiedendo la pronta rimozione della targa con su scritto “Piazza Duomo”. A loro dire quella tabella voleva essere un occulto mutamento del nome e per i combattenti “i cambi di nomi di vie e piazze potrebbero diventare rapidamente la base per modificare la storia e per negare” quelli che vengono definiti “alcuni fatti noti legati alla storia recente”.

 

A Capodistria, ma sarebbe meglio definirla Koper, sembra, non siano gli unici a pensarla così.